Prestazioni e Autonomia: Cosa Aspettarsi dalla Nuova Panda Elettrica di Fiat

Prestazioni e Autonomia: Cosa Aspettarsi dalla Nuova Panda Elettrica di Fiat
Fiat Panda 2024

L’industria automobilistica assiste con grande interesse all’emergere di nuove proposte che potrebbero rivoluzionare l’offerta corrente. Tra queste proposte spicca quella che potrebbe essere la nuova generazione della Fiat Panda, frutto di intriganti disegni di brevetti trapelati online. Nonostante non vi sia una conferma ufficiale, gli indizi raccolti lasciano supporre che Fiat sia pronta a lanciare una versione che si distacca dai canoni tradizionali del modello, introducendo una variante dal design da crossover.

La progettazione innovativa nel rispetto della tradizione

Analizzando i disegni disponibili, emerge un veicolo che potrebbe rappresentare un nuovo punto di riferimento nel segmento dei crossover elettrici. Questo modello sembra condividere alcune caratteristiche con le piattaforme Smart di Stellantis e la Citroën ë-C3, ma vanta contemporaneamente un’estetica rinnovata che si allontana dai richiami storici della Panda e della concept Centoventi. La presenza di dettagli specifici, quali serrature e specchietti retrovisori, suggerisce una fase avanzata nel processo di sviluppo verso la produzione di serie.

Il tributo al passato con una visione futuristica

Nonostante l’innovazione sia un elemento chiave nel design del misterioso modello, non mancano omaggi all’eredità della Panda. Si nota, per esempio, la riproposizione dello “squircle” nei gruppi ottici posteriori, elemento distintivo del modello corrente. Altresì, il progetto sembra riflettere l’influenza della concept Centoventi, soprattutto nella configurazione del frontale dove i fari assumono un aspetto più snello e una striscia LED collega i gruppi ottici. La fiancata rielaborata adatta il veicolo alla piattaforma Smart, mantenendo però elementi come i paracolpi laterali in plastica che evocano la terza generazione della Panda.

La presentazione ufficiale in calendario

Se le speculazioni fossero confermate, la nuova Panda potrebbe essere svelata ufficialmente l’11 luglio, in occasione del 125° anniversario del brand Fiat. Inizialmente proposta come un modello completamente elettrico, non è escluso che nel futuro possano essere introdotte varianti con motore termico, compreso il turbobenzina 1.2, in linea con la strategia adottata per altre vetture che utilizzano la piattaforma Smart Car.

Prestazioni e autonomia dell’elettrico

La nuova elettrica di Fiat potrebbe beneficiare di specifiche tecniche simili a quelle della Citroën ë-C3, con una batteria al litio-ferro-fosfato da 44 kWh e un propulsore da 113 CV. Queste caratteristiche permetterebbero un’autonomia di circa 320 km e tempi di ricarica rapidi. È possibile che venga introdotta anche una variante a batteria più contenuta, per offrire un accesso più economico al mondo dell’elettrico.

Un’offerta competitiva nel mercato

La politica di prezzo sembra mirare alla competitività, con la versione elettrica che dovrebbe posizionarsi al di sotto dei 25.000 euro, mentre le varianti a benzina potrebbero essere proposte a un costo ancora inferiore, collocandosi sotto la soglia dei 20.000 euro.

La produzione nel cuore dell’Europa

La produzione della nuova Panda avverrà nello stabilimento Stellantis di Kragujevac, in Serbia, come confermato recentemente dal presidente serbo Aleksandar Vučić. Tale scelta non influenzerà la produzione del modello endotermico, che continuerà a essere realizzata a Pomigliano d’Arco fino al 2026. Le decisioni future di Stellantis sul fronte della produzione e le dinamiche geopolitiche avranno un impatto sulla distribuzione della produzione della Panda elettrica.