“Cercasi volontari: 16mila euro per stare 70 giorni a letto a fumare cannabis”

La Nasa cerca volontari per uno studio e li pagherà benissimo se accetteranno di stare a letto e fumare cannabis per 70 giorni di seguito, è  questo l’annuncio curioso ma vero, diventato, in poche ore, altamente virale nel web, ma è una bufala (o quasi).

Il sito Green Rush Daily ha smorzato però gli entusiasmi: il test è stato davvero fatto in passato, ma non risulta al momento che ci sia alcun esperimento del genere in programma.

Effettivamente la Nasa, in passato, ha effettuato uno studio del genere, si chiamava “Rest studies” e ogni persona che accettò di partecipare e superò le selezioni ricevette diciottomila dollari. La terapia prevedeva sostanzialmente due cose: stare a letto per più di due mesi di fila e fumare cannabis di diverse varietà.

Volontari fumare cannabis

L’obiettivo era serissimo e cioè quello di simulare le condizioni che gli astronauti vivono nello spazio, in assenza di gravità, per studiare i cambiamenti che avvengono a livello cardio-circolatorio e muscolo-scheletrico quando le persone restano in una posizione fissa (a letto, in questo caso) e cercare delle contromisure per chi – gli astronauti – deve a lungo sottostare a condizioni piuttosto particolari.

Fumare cannabis per la Nasa

I partecipanti vennero divisi in due gruppi studio: del primo facevano parte coloro che si esercitavano con attrezzature speciali per mantenere la posizione a testa in giù, fumando cannabis, che stimolando il rilassamento dei muscoli permetteva una simulazione più efficace dei cambiamenti che avvengono in un corpo sottoposto a gravità zero. Al secondo gruppo venne chiesto di rimanere completamente rilassati a letto. I partecipanti, durante questi 70 giorni, potevano abbandonare il letto solo per specifiche attività al di fuori di esso.