Vende per 100 euro video hard della moglie: “Non giudicateci, lo facciamo solo per bisogno”

In un paesino a sud della provincia di Ancona accade che un uomo è costretto a vendere un video hard della moglie per combattere la crisi e pagare l’affitto di casa. La notizia viene riportata dal quotidiano Il Mattino.

Sono soprattutto signori di 50 e 60 anni i principali acquirenti del materiale fai da te della coppia. Questi arrivano a sborsare anche somme di 100 euro per poter visionare dei filmini in diretta tramite una web cam. Probabilmente il desiderio di vivere nuove emozioni o nuove esperienze li spingono a ricercare questo genere di spettacoli.

“Non giudicateci male, lo facciamo solo per bisogno, non certo per piacere”, questo è stato l’unico commento dell’uomo che ha voluto così precisare il motivo per il quale ha dovuto violare la loro intimità.

Grazie all’utilizzo delle cam il marcato on-line a pagamento di video hard ha registrato un sensibile aumento in questi anni. Sempre più persone utilizzano le nuove tecnologie per trovare piacere. Se le applicazioni o i social ci sono d’aiuto nella ricerca dell’anima gemella, il risvolto della medaglia potrebbe essere un utilizzo smodato di questi strumenti, come spesso accade parlando di nuove tecnologie.

Se in questa vicenda la coppia ha deciso consapevolmente di farsi “spiare”, in quest’altra storia accade esattamente l’opposto, perché degli hacker sono riusciti ad intrufolarsi nella vita di un ignara coppia e hanno messo on-line le loro scene hard rubate.

Vende per 100 euro video hard della moglie: “Non giudicateci, lo facciamo solo per bisogno”