“Vammi a prendere i soldi o l’ammazzo”. Clandestino violenta ragazza mentre il fidanzato corre al bancomat

«Vammi a prendere i soldi al bancomat o la ammazzo». E mentre il fidanzato usciva dall’auto, un marocchino clandestino ha violentato la giovane donna.

È accaduto alle 4 della notte tra sabato 7 e domenica 8 ottobre. A Genova. Tutto è cominciato sul lungomare di Pegli dove il marocchino, 27 anni e già noto alle forze dell’ordine, ha deciso di sbarcare il lunario a colpi di rapine.

Ne mette a segno una dietro l’altra: prima assale due ventenni, feriti al viso con i cocci di una bottiglia e costretti a consegnargli cellulari e portafogli; poi prende di mira altri cinque ragazzi ai quali, fingendo di avere una pistola in tasca, ha portato anche qui telefonini e denaro.

Vammi a prendere i soldi o l'ammazzo. Clandestino violenta ragazza mentre il fidanzato corre al bancomat

Non contento, secondo quanto hanno ricostruito gli investigatori, ha fermato la coppietta. Minacciandoli è salito a bordo della loro auto e li ha costretti a raggiungere salita Cataldi, a Sestri Ponente, un zona periferica e poco frequentata. E qui non si è limitato alla rapina.

Ha costretto il fidanzato ad abbandonare il veicolo e ad andare a ritirare dei soldi al bancomat minacciando di sparare alla sua ragazza. momenti terribili. Ma al giovane non è restato altro da fare che uscire dall’auto e allontanarsi sperando che alla vista del denaro li avrebbe lasciati andare.

Ma purtroppo non è andata così. La rapina si è trasformata nel peggiore degli incubi: il magrebino si è infatti avventato sulla donna e l’ha stuprata.

La polizia è riuscita ad arrestarlo. Gli agenti gli stavano dando la caccia dopo  l’allarme lanciato dalle precedenti vittime. Ma per la ragazza ormai era troppo tardi.

Fonte: leggo.it

loading...
Leggi altro:
“Gli uomini scappano quando mi vedono nuda.” La confessione choc di una donna malata

Chiudi