Un uomo decide di adottare tutti i cani anziani che non riescono a trovare una famiglia!

Quando il nostro amato cucciolo ci abbandona, dopo aver reso indimenticabili gli anni della nostra vita passati in sua compagnia, non è affatto semplice riprendersi e colmare quel vuoto profondo che ha lasciato nella nostra anima.

All’inizio si è certi che niente e nessuno potrà consolarci, ma poi piano piano la vita continua a scorrere e la ferita inizia a rimarginarsi finchè non ci si sente di nuovo pronti a dare il proprio amore ad un altro cucciolo.

Questo è più o meno quello che è successo a Steve Grieg che, come tutti, ha sofferto moltissimo per la morte del suo cane e non riusciva in nessun modo a colmare la sua assenza.

Steve è stato, da sempre, un amante dei cani e di tutti gli animali in genere. Dopo la morte del suo amatissimo cane, l’uomo, anche se preso dallo sconforto, ha deciso che avrebbe regalato una vita meravigliosa, come lo era stata quella del suo cucciolone, ad un altro cane, ma non ad uno qualsiasi, l’avrebbe donata ad un animale anziano.

Recatosi al rifugio di Denver, Colorado, Steve chiese di adottare il cane più “inadottabile” quello che mai nessuno aveva preso in considerazione per l’adozione. Steve non immaginava nemmeno lontanamente che aveva appena intrapreso il viaggio che lo avrebbe riportato alla felicità.

Gli operatori del canile gli dissero che vi erano MOLTI animali che nessuno voleva, e che avevano davvero poche speranze, chi per l’età e chi per l’aspetto fisico, di essere adottati in futuro. Come fare a scegliere quello che tra tutti loro era il caso più disperato?

Così Steve scelse di non scegliere, li adottò tutti: furono dieci i suoi nuovi piccoli amici, tutti accomunati dal fatto di aver trascorso molto tempo nei rifugi e di avere poche speranze di trovare una famiglia.

24

Attraverso il profilo Instagram di Steve sono migliaia le persone che seguono le avventure quotidiane di questa insolita e adorabile comunità, che necessita di non poche cure e attenzioni, infatti, essendo molti di loro anziani e alcuni anche acciaccati per i maltrattamenti subiti, hanno bisogno di una specifica dieta e di cure costanti, a cui l’uomo dedica con amore buona parte della giornata.

Ogni giorno si sveglia alle 5 del mattino per preparare la colazione per la sua numerosa famiglia. Il suo programma giornaliero non prevede solo cure e cibo ma anche passeggiate al parco, appuntamenti dal veterinario e un sacco di tempo da dedicare alle coccole o allo scatto di queste simpatiche fotografie, utili anche al fine di sensibilizzare le persone circa la possibilità di adottare cani adulti e non solo cuccioli.

11

Steve ha confessato che il lavoro è enorme e che a fine giornata arriva distrutto, ma che ne vale assolutamente la pena visti i benefici, infatti, anche dopo la giornata più pesante, c’è sempre qualcuno che lo accoglie con amore, pronto a regalargli un momento di affetto incondizionato.

“Ogni volta che mi sdraio per terra, i miei cuccioli si avvicinano e si attaccano a me! Questa è la miglior cura contro la tristezza! ” Dice Greig a BoredPanda. “Gli animali anziani sono i più saggi” continua ” Sanno già cosa vogliono dalla vita. I miei cani sanno chi sono ed è stato facile sviluppare un rapporto familiare con loro. È soddisfacente sapere che questi vecchietti sono felici e amati. Danno valore ad ogni mio singolo giorno.”

La famiglia di Steve si sta allargando sempre più e, ad oggi, conta anche un maialino chiamato Bikini, oltre a due anatre, tre piccioni, qualche gatto e qualche gallina.

Purtroppo è consapevole che ad un certo punto dovrà fermarsi nelle adozioni perchè in casa non ha più spazio, ma nei suoi progetti futuri c’è la costruzione di una rete di adozioni dedicata in particolare a casi come questi, di animali destinati a vivere il resto della propria esistenza in una gabbia.

Guarda le foto di questa fantastica famiglia!

+++ Da non perdere anche: Ecco come dovrebbero essere trattati tutti i cani anziani: Questo è amore puro +++

Un uomo decide di adottare tutti i cani anziani che non riescono a trovare una famiglia!

La sua scelta però ricadde sui cani anziani, quei cani che nei rifugi difficilmente riuscivano a trovare una casa ed una famiglia. Quelli erano i cani più bisognosi.

loading...