Tumore al seno: Ecco 5 sintomi da non sottovalutare

Il tumore al seno è una forma di cancro che colpisce molte donne ogni anno. Le nuove frontiere della diagnosi e della cura del cancro al seno sono davvero stupefacenti, ma è comunque importante che venga diagnosticato precocemente per poter intervenire con rapidità e garantire alla paziente una piena e completa guarigione senza ulteriori danni.

Per questo, è fondamentale la prevenzione effettuando uno screening mammario completo (con visita senologica, ecografia senologica e mammografia) almeno una volta l’anno. Inoltre, è una buona abitudine effettuare almeno una volta al mese l’autopalpazione, per verificare la formazione di un eventuale nodulo.

Tra i sintomi da non sottovalutare nel caso di un tumore al seno, ve ne sono 5 particolarmente frequenti che potrebbero non essere legati al cancro, ma che vanno comunque sottoposti tempestivamente all’attenzione di un medico specialista.

Tumore al seno: Ecco 5 sintomi da non sottovalutare

Primo sintomo: il nodulo

Il nodulo è sicuramente uno dei sintomi più frequenti di un tumore al seno. Se ci si accorge di averne uno, ad esempio dopo aver eseguito l’autopalpazione, è importante mantenere la calma e rivolgersi immediatamente al proprio medico senologo. Un nodulo non è necessariamente un cancro, ma va controllato. Ad essere maggiormente sospetti sono i noduli che al tatto appaiono duri o con bordi irregolari e che non fanno male.

Secondo sintomo: gonfiori

Il seno può gonfiarsi per tante ragioni, che non hanno a che fare con il cancro. Tuttavia, se si dovesse riscontrare un rigonfiamento strano anche su una determinata zona della mammella, è fondamentale farsi controllare da un esperto, poiché potrebbe trattarsi di tumore. A destare maggiori sospetti sono in genere i rigonfiamenti che interessano i capezzoli o la zona che circonda la mammella.

Terzo sintomo: ritrazione del capezzolo

Alterazioni a livello dei capezzoli posso destare preoccupazioni ed è fondamentale rivolgersi subito ad un medico o centro senologico specializzato. Un sintomo che può far preoccupare è quando il capezzolo si ritrae o sembra ripiegarsi su se stesso. Una simile alterazione potrebbe infatti essere dovuta alla presenza di un tumore al seno.

Quarto sintomo: irritazione della pelle

È possibile che la presenza di un tumore venga segnalata da irritazioni a livello della pelle che circonda la mammella, come la pelle a buccia d’arancia, arrossamenti, macchie o increspature. Naturalmente, questi fenomeno possono avere diversa origine, quindi prima di pensare al peggio e se il problema persiste, meglio contattare un medico senologo di fiducia.

Quinto sintomo: secrezioni

Qualunque tipo di secrezione che fuoriesce dai capezzoli (a parte il latte materno) può essere il sintomo di un tumore al seno. Le secrezioni possono avere origine anche da alte cause, ma essendo un fenomeno spia è meglio far analizzare il liquido e capirne la natura. In genere, una secrezione di colore chiaro indica un tumore benigno, mentre se si nota del sangue è opportuno procedere ad esami diagnostici più approfonditi.

 

0
0
0
Total
0

Lascia un commento

Leggi altro:
Pericolo Alzheimer: Ecco i 10 campanelli d’allarme da non sottovalutare

Chiudi