Scopre che il padre è un pedofilo: ucciso con la pala e seppellito in giardino

Uccide il padre a colpi di vanga, poi scava una fossa e lo seppellisce in giardino. Barbara Coombes, 63 anni, ha ucciso il genitore 87enne, considerato eroe di guerra, dopo aver scoperto che possedeva materiale pedopornografico. La scoperta che fosse un pedofilo l’ha accecata di rabbia, al punto da spingerla ad ucciderlo.

I fatti risalgono al 2006, quando la donna dentro una scatola, nella casa in cui viveva con il padre, trovò diverse foto esplicite con dei bambini. Disgustata da quanto visto afferrò la pala e affrontò l’uomo colpendolo due volte, prima sul viso poi sulla nuca. Dopo averlo seppellito annunciò al resto della famiglia che era morto in modo improvviso e il corpo era stato cremato. A far scattare le indagini è stato il fatto che la 63enne continuasse a percepire la pensione del genitore, così lo scorso gennaio sono iniziati i controlli.

Barbara, come riporta il Mirror, a quel punto si è recata alla polizia e ha raccontato tutto. Per la donna sono scattate le manette e proprio in questi giorni è stata condannata a 9 anni di carcere per l’omicidio del padre. «Non ha mostrato alcuna preoccupazione per quello che aveva fatto e ha negato a tutti la possibilità di dargli un ultimo saluto», ha commentato il capo della polizia.

Fonte: Leggo

0
0
0
Total
0
Leggi altro:
Si presenta in tribunale con una tonnellata di monetine: 9 anni di alimenti per la moglie

Chiudi