Realizzata a Bari la prima passerella per disabili che permette loro di fare il bagno in mare

Tutti, indistintamente, dovrebbero avere la possibilità di godere dei piaceri della vita; uno di questi è il mare. Dovrebbe essere alla portata di tutti andare in spiaggia, prendere il sole e farsi un bel bagno.

Per fortuna, da un po’ di anni a questa parte, in molte spiagge italiane, sia private che libere, sono state abbattute numerose barriere architettoniche e installate attrezzature all’avanguardia per poter accogliere anche dei bagnanti con disabilità motorie.

A Bari, grazie all’ingegno di un atleta in carrozzina, è stata installata una passerella speciale.

È la Sea Track Tobea, una nuovissima attrezzatura, dotata delle più avanzate tecnologie, per l’accoglienza dei disabili sulle spiagge italiane.

Questa speciale passerella è stata inaugurata a Torre Quetta, a sud di Bari, ed il primo a testarla è stato Antonio Caputo, atleta disabile della squadra di basket HBari2003.

L’attrezzatura, alimentata ad energia solare, consente, alle persone con disabilità motoria, di fare un bagno rinfrescante nelle acque del Mar Adriatico e non solo, una volta rientrata in sede, consente anche di effettuare una doccia fresca per togliersi di dosso la salsedine.

Come funziona: alla passerella è fissata una sedia che scorre su due binari, questa può essere azionata direttamente dal disabile che vuole fare un bagno in mare.

Ovviamente, i bagnanti con disabilità motorie di Torre Quetta sono costantemente assistiti da un addetto alla Sea Track Tobea, pronto ad intervenire in caso di qualunque necessità.

 

Leggi altro:
Il curriculum è tutto un “blablabla”: assunto a tempo indeterminato

Chiudi