Ogni quanto cambi le lenzuola? Ecco cosa rischi… Lo dice la scienza

Dopo una lunga e faticosa giornata di lavoro non agogniamo altro che infilarci nel nostro letto per goderci il meritato riposo, che sia tra le fresche lenzuola estive o tra quelle calde di flanella l’importante è che odorino di pulito.

Funghi, batteri, secrezioni vaginali, escrementi, urina e sudore sono solo alcuni dei poco allettanti elementi che ci farebbero compagnia tra le lenzuola se avessimo la cattiva abitudine di non cambiarle con regolarità.

È quello che afferma Philip Tierno della New York University School of Medicine, secondo lo studioso, come riportato dal sito Metro bisognerebbe cambiare il copri-materasso, le lenzuola e le federe del letto almeno una volta alla settimana.

lenzuola sporche

In caso contrario, il rischio è quello di dormire sopra ad una sorta di “Cloaca Massima” fatta di ogni tipo di secrezione corporale. Se non venisse mai cambiato, in un anno il letto sarebbe ricoperto da circa 100 litri di sudore, più i resti degli spuntini che mangiamo e tanto altro ancora. Insomma un tripudio di batteri e acari della polvere. Per evitare allergie e altre conseguenze ben più gravi, Tierno consiglia di lavare le lenzuola ogni 7 giorni “perché – spiega – le secrezioni accumulate iniziano a diventare significative dopo una o due settimane”.

Leggi anche: Ecco perché non si dovrebbe mai portare il telefono con sé in bagno.