Contro i parcheggiatori abusivi, la vendetta di questa donna è esemplare

Se trovaste il vostro posto auto occupato sistematicamente da parcheggiatori abusivi cosa fareste? Sicuramente la prima cosa che fareste sarebbe imprecare e poi vi attacchereste al clacson finché, si spera, non arrivi il colpevole…

Julie Geue Crowbororugh abita nei pressi della stazione del suo paese e davanti casa ha un bel vialetto dove parcheggiare la sua auto, ma purtroppo usufruire del suo posto macchina è diventato praticamente impossibile in quanto, ogni giorno e sistematicamente, il suo parcheggio veniva occupato abusivamente, così un bel giorno ha escogitato una bella vendetta, unendo anche l’utile al dilettevole.

La sua vendetta è stata riportata dal Mirror ed è diventata presto virale. Il viale di casa sua aveva bisogno di un po’ ghiaia, così Julie ne ha ordinato un’enorme quantità e quando le è stata consegnata l’ha fatta depositare davanti l’auto parcheggiata abusivamente. Il parcheggiatore abusivo, in questo modo, facendo ritorno avrebbe trovato una brutta sorpresa e solo due alternative: lasciare l’auto lì dov’era, o tirarsi fuori spargendo l’enorme mucchio di ghiaia.

1

2

Julie ha lasciato anche un bigliettino sulla sacca di ghiaia, insieme a una piccola spatola.

3

“Dopo il voto del pubblico, sono giunta alla conclusione che lei abbia probabilmente bisogno di scavarsi la via d’uscita verso la libertà. Non dimentichi che viene ripreso dalle telecamere, quindi si ricordi di sorridere mentre lavora”.

In seguito pubblicò questa immagine con i seguenti risultati:

4

“Ecco cosa succede quando degli sconosciuti lasciano la loro auto nel mio parcheggio privato. Vivo davanti alla stazione ferroviaria perché è conveniente… per me! Ho un vialetto in grado di ospitare quattro auto perché è conveniente per me, non per permettere a dei pigroni di parcheggiare gratuitamente!”

Parcheggio

Il buio è calato ma la macchina è rimasta lì. Come la signora ci sono anche altre persone che non tollerano i “parcheggiatori maleducati”, guardate le loro vendette.