Operaio coltiva marijuana in casa Va ai domiciliari

Quattro piante di marijuana alte tra i 2 e 2,75 metri sono state sequestrate dai carabinieri ad un operaio 28enne, di San Cassiano di Baiso, operaio in una ditta di Sassuolo, finito agli arresti domiciliari. L’operazione che è stata portata a termine dai militari della compagnia di Sassuolo che hanno trovato le piante nell’abitazione dell’uomo.

Il 28enne è finito nel radar dei militari in seguito ad alcune segnalazioni che evidenziavano come l’operaio avesse nella propria disponibilità la marijuana. I carabinieri, dunque, hanno iniziato un’azione di monitoraggio per cercare di capire se le voci su di lui fossero veritiere o se si trattasse solo di illazioni con controlli nei luoghi che abitualmente frequentava, anche al di fuori degli orari lavorativi. Un’azione di appostamento che ha portato fino al luogo di residenza dell’operaio. Ed è qui, a pochi chilometri da Sassuolo, che i carabinieri hanno scovato le piante di marijuana. Quattro piante già cresciute e rigogliose, tanto che l’altezza arrivava a sfiorare i 3 metri. Le piante sono state sequestrate, mentre l’operaio è stato arrestato.

Dopo l’arresto il magistrato ha disposto che l’uomo non finisse in carcere, bensì tornasse nella propria abitazione a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

Non vi sono indicazioni, al momento, che il 28enne utilizzasse la coltivazione “domestica” a fini di spaccio, forse la marijuana era utilizzata a scopi personali ma intanto per il giovane è scattato l’arresto. Se la dovrà vedere quindi con la giustizia. 

Questa è solo l’ultima operazione dei militari della Compagnia di Sassuolo nell’ambito della lotta alla droga: già nei mesi scorsi sono stati innumerevoli gli arresti, spesso nelle zone più degradate della città. Succede che le indagini portino anche nel Reggiano. —

Fonte

0
0
0
Total
0
Leggi altro:
Il cane è disteso in una piccola bara. Ma guardate cosa succede quando qualcuno si avvicina

Chiudi