Olio extravergine di oliva, ecco i migliori d’Italia

Sono prodotti che vediamo abitualmente nei supermercati e nei negozi di alimentari, ma non sempre è facile scegliere tra le varie marche e le tante tipologie del mercato: ecco perché Altroconsumo ha deciso di mettere sotto osservazione 30 marchi italiani di olio extravergine d’oliva, realizzando una classifica delle bottiglie migliori in vendita nel nostro Paese.

A difesa dell’olio d’oliva italiano

Come sappiamo, l’olio extravergine è uno dei vanti dell’agricoltura italiana, anche se negli ultimi anni ci sono stati vari “attacchi”, sia per questioni naturali (basta ricordare il caso Xylella, il batterio che ha falcidiato gli oliveti in Puglia) che per politiche comunitarie. Anche per questo gli operatori del settore hanno messo in campo vari interventi, come l’accordo tra Federolio e Coldiretti siglato nelle scorse settimane che Vincenzo Gesmundo, segretario dell’associazione dei coltivatori, ha definito “un segnale forte al mercato”, perché consentirà di valorizzare la produzione italiana di extravergine e rilanciare un settore simbolo dell’eccellenza made in Italy.

Il test di Altroconsumo

Venendo al test di Altroconsumo, sotto esame sono stati messi come detto 30 marchi di olio, comprendendo prodotti biologici e non, così da avere un quadro ben definito delle possibilità a disposizione dei consumatori: i risultati sono stati abbastanza soddisfacenti e hanno portato a 22 “promozioni”, mentre 8 bottiglie sono finite dietro la lavagna a causa di voti cattivi.

I migliori oli extravergine d’Italia

olio extravergine d'oliva italiano

Il migliore in assoluto è l’olio De Cecco Pregiato 100%, che ha ottenuto giudizi positivi in tutti i parametri verificati e anche nelle prove degustative: questo prodotto è un olio italiano certificato che viene venduto al prezzo medio di circa 8 euro. Medaglia d’argento per Agride il Regale 100% (che però costa circa 11 euro al litro), e a completare il podio c’è l’olio Monini Bios da agricoltura biologica (uno dei più cari, venduto a circa 12,70 euro al litro).

I prodotti promossi

Tra i promossi ci sono anche due prodotti di catene storiche della Grande Distribuzione italiana, ovvero Esselunga 100% italiano e Conad italiano, entrambi in vendita a circa 8 euro a litro. Seguono, nella parte intermedia della graduatoria, alcuni marchi noti come Bertolli, Carapelli e Sasso, che recuperano un po’ di credibilità e affidabilità dopo le vicende degli anni passati (in particolare, tre anni fa proprio Altroconsumo denunciò difetti sensoriali e irregolarità chimiche in tali prodotti, che addirittura provocarono la mancata assegnazione della categoria degli extravergini). In particolare, secondo il test le tre bottiglie Bertolli Gentile, Sasso Classico e Carapelli Il Frantoio rappresentano il giusto compromesso tra qualità e prezzo.

Qualche polemica non manca

Come detto, otto marche non sono state giudicate all’altezza, in particolare per il mancato superamento della prova sensoriale che, secondo Altroconsumo, “non consente di classificarli come extravergini”, anche se per fortuna le analisi chimiche hanno escluso qualsiasi tipo di frode. Si tratta di bottiglie di olio extravergine dei marchi Auchan, Carrefour Classico, Cirio Classico, Costa d’Oro Extra, Frantoio la Rocca (Eurospin), Pietro Coricelli, F.lli Carli Delicato e Isnardi, ma bisogna sottolineare che tutti i brand hanno contestato il test e (ovviamente) il giudizio negativo, ritenuto poco oggettivo perché basato su una prova d’assaggio effettuata su un panel.

Consigli utili per gli acquisti

In definitiva, l’esame di Altroconsumo fornisce di sicuro una chiave informativa per i consumatori e, pur nei limiti evidenziati, un buon punto di riferimento per scegliere un marchio di olio extravergine italiano e provare ad andare sul sicuro.

 

0
0
0
Total
0
Leggi altro:
Vi sembrerà solo un albero pieno di uccelli, ma poco dopo… resterete a bocca aperta!

Chiudi