New York, locali chic vietano l’ingresso con le pellicce

 
Stop alle pellicce, questa è la decisione che ha preso il noto imprenditore americano Johnny Barounis titolare di molti club alla moda sulla Upper East Side, Lower Esat Side e East Village di New York. Il ristoratore animalista ha commentato così la sua decisione: “Sono sempre stato anti-caccia e anti-pelliccia”. “Noi alla gente diciamo che sono invitati a entrare, ma il pelo rimane fuori. Gli animali allevati per la loro pelliccia sono spesso tenuti in piccoli spazi grandi come quelli delle galline allevate in batteria e poi vengono uccisi per soffocamento, folgorazione, gas e veleno è qualcosa di inaccettabile”.
 
New York, locali chic vietano l'ingresso con le pellicce
 
Il 51enne Barounis, vegetariano e membro della Peta (People for the Ethical Treatment of Animals), ha così dato disposizione alle bodyguard di controllare che i capi indossati dagli avventori dei suoi locali, siano solo pelli e pellicce ecologiche e di non far entrare nulla che sia “animale”.
 
Questa politica aziendale, lo scorso inverno, ha colto di sorpresa una donna che, vedendosi negare l’ingresso, ha chiamato la polizia. “Per poco non la portavano dentro per falso allarme”, ha commentato Barounis.
 
New York, locali chic vietano l'ingresso con le pellicce
 
Ci auguriamo che anche in Italia e nel resto del mondo, sempre più persone prendano la stessa decisione di Barounis, di modo che pellicce e indumenti di pelle siano definitivamente da considerare “fuori” e non solo di moda.