La madre trova tracce sanguinolente di denti sul corpo del figlio. Ecco cosa è successo

Oggigiorno, avvalersi di un asilo nido, considerati i ritmi lavorativi dei genitori, non è solo una necessità per le famiglie con figli piccoli, ma anche un modo per permettere ai piccoli di entrare presto in contatto con il mondo esterno.  Oggigiorno, avvalersi di un asilo nido, considerati i ritmi lavorativi dei genitori, non è solo una necessità per le famiglie con figli piccoli, ma anche un modo per permettere ai piccoli di entrare presto in contatto con il mondo esterno.  

E la preoccupazione principale è che i piccoli trovino un ambiente accogliente, dove sentirsi protetti. 
Quando Jannica Holmberg, svedese, ha preso il suo bambino di un anno e mezzo dal nido, tutto sembrava in ordine, e nessuno degli educatori ha accennato a qualcosa di strano.

La donna aveva preso il bambino e aveva lasciato la struttura con altri tre educatori, con i quali aveva scambiato qualche battuta veloce. Tutto sembrava assolutamente normale.
Quando la sera è arrivato il momento del bagnetto, Jannika ha spogliato il figlio e si è accorta di un dettaglio inquietante: inizialmente la donna non era riuscita a togliere la maglia al piccolo, sembrava appiccicata. Jannika l’aveva staccata con delicatezza, per poi rimanere senza parole. 

La schiena del figlio era ricoperta di segni: erano dei morsi profondi e ancora sanguinanti. In tutto, la donna ne ha contati ben 15.

Non era la prima volta che il piccolo riportava delle ferite mentre si trovava al nido. E solo una settimana prima erano state due bambine a morderlo.
Adesso, forse un altro bambino – o più di uno – lo avevano attaccato e morso. Jannika era profondamente turbata. Questa “aggressione” doveva essere durata per qualche minuto. Come mai nessuno era intervenuto? Il figlio doveva aver gridato e pianto – come mai nessuno se ne era accorto?
Jannika e il suo compagno hanno deciso quindi di denunciare per negligenza gli educatori.

Povero piccolo! Speriamo che sia fatta luce sulla faccenda e che chi ha sbagliato venga punito come merita!

Fonte