Istat, dati shock: Ogni giorno 11 stupri. In quattro casi su dieci l’autore è straniero

Il dossier. Denunce in calo, ma gli esperti avvertono: “enorme sommerso, soprattutto quando il caso avviene in famiglia”

Quasi 11 stupri al giorno, quattromila ogni anno. Più di un milione di donne colpite in Italia. «È un reato orribile che resta purtroppo opaco, spesso consumato in famiglia e in cui le denunce sono ancora troppo poche». Fotografare la piaga delle violenze sessuali alla luce dei dati ufficiali non è facile: «Il fenomeno è in gran parte sommerso», avvertono gli esperti. Ma una cosa è certa: i numeri che circolano sono impressionanti.

Secondo l’Istat, un milione e 157mila donne avrebbero subito una violenza sessuale nel corso della vita, tra stupri e tentati stupri. Eppure, nelle denunce degli ultimi anni, si registra una lieve flessione: 6% in meno tra il 2014 e il 2015 e 13% in meno dal novembre 2015 al novembre 2016. Quanto agli autori, in maggioranza sono italiani, ma quasi quattro denunciati su dieci sono stranieri.

Istat, dati shock: Ogni giorno 11 stupri. In quattro casi su dieci l'autore è straniero

Nonostante il ripetersi di fatti di cronaca con al centro violenze sulle donne, anche gli ultimi dati del Viminale confermano la diminuzione delle denunce per stupro: le violenze sessuali tra gennaio e luglio 2017 sono state 2.333, contro le 2.345 denunciate nello stesso periodo dell’anno scorso. Chi sono gli autori?

Crescono gli italiani denunciati: 1.534 nei primi sette mesi del 2017 contro i 1.474 dello stesso periodo del 2016. Ma resta altissima l’incidenza degli immigrati su questo reato, sia come autori che come vittime: gli stranieri denunciati per violenza sessuale sono infatti 904 da gennaio a luglio 2017, poco meno dei 909 dello stesso periodo del 2016.

A fotografare il fenomeno nel suo complesso aiuta una recente indagine realizzata dall’istituto Demoskopika: nel corso degli ultimi anni, denunce e arresti hanno interessato in maggioranza gli italiani (61% dei casi), seguiti da romeni (8,6%), marocchini (6%), albanesi (1,9%) e tunisini (1,3%). Anche le vittime sono principalmente donne di nazionalità italiana (68% dei casi), seguite da romene (9,3%) e marocchine (2,7%). E ancora: ogni quattro casi di violenza sessuale in Italia, almeno uno coinvolge un minorenne. Mentre Lombardia e Lazio detengono il triste record dei territori dove avvengono, in valore assoluto, il maggior numero di reati.

Il fenomeno però è lontano dall’essere fotografato con chiarezza. «A differenza di altri reati, come quelli contro il patrimonio — spiega Marzio Barbagli, sociologo, esperto di sicurezza e criminalità — le denunce per stupro non raccontano adeguatamente la realtà. Le violenze sessuali denunciate sono infatti solo una piccola parte di quelle davvero compiute.

Molte violenze avvengono in famiglia per opera del partner o comunque di una persona conosciuta e questo è un fenomeno che resta in gran parte sommerso. Ancora meno sappiamo degli stupri di immigrati a danno di donne loro connazionali ». Non solo. «È vero che in base ai dati ufficiali le denunce sono in calo, ma attenti: si ragiona su un arco temporale ancora troppo breve».

Anche Lella Palladino dell’associazione “Donne in Rete contro la violenza”, a cui aderiscono 80 centri antiviolenza in tutta Italia, invita a leggere i dati con cautela: «Attenti al sommerso, cioè alle violenze tra le mura di casa, che arrivano

raramente a livello di denuncia. Tra le donne che si rivolgono ai nostri centri, gli episodi di violenza domestica si rivelano infatti nell’80% dei casi anche episodi di violenza sessuale. E qui parliamo di situazioni in cui vittime e stupratori sono in stragrande maggioranza italiani».

Fonte