Ha forti dolori al petto, radiografia svela un cucchiaio ingoiato (da ubriaco) un anno prima

Quando i medici gli hanno fatto la radiografia al torace hanno impiegato un nanosecondo a capire la causa dei suoi mali: Zhang, il 26enne che stavano esaminando e che si era presentato all’ospedale di Urumqi nello Xinjang, in Cina, con dolori lancinanti al petto e gravi problemi di respirazione, aveva ingoiato un cucchiaio di acciaio inossidabile lungo venti centimetri. Quello che ha lasciato sconvolti i dottori, però, non è stata la scoperta in se stessa (non è certo la prima volta che qualcuno ingoia una posata), quanto il fatto che l’oggetto fosse lì da un anno e che il ragazzo, fino a quel momento, non si fosse mai rivolto a un medico.

Zhang aveva ingoiato volontariamente il cucchiaio un anno fa per scommessa, nel corso di una serata alcolica tra amici: ubriaco e intenzionato a stupire tutti, aveva accettato la sfida e lo aveva mandato giù dopo averlo legato a una sottile cordicella per poterlo poi tirare fuori. Sfortunatamente per lui, però, la cordicella si era rotta e tutti i tentativi di espellere il cucchiaio si erano rivelati inutili. Visto che comunque non accusava dolori ed era in grado di bere e mangiare normalmente, il ragazzo aveva deciso di lasciarlo lì, senza rivolgersi ai medici.

Nei giorni scorsi, però, dopo aver ricevuto un forte colpo al petto che deve aver spostato in qualche modo il cucchiaio, Zhang ha cominciato ad accusare dolori e difficoltà di respirazione sempre maggiori, tanto da spingerlo a precipitarsi al pronto soccorso.

I medici, dopo la radiografia, lunedì hanno sottoposto il ragazzo a un’endoscopia inserendo dalla bocca un minuscolo tubo di plastica con una telecamera collegata: con un’intervento di circa due ore in anestesia totale sono riusciti alla fine a estrarre il cucchiaio. Nei prossimi giorni Zhang sarà dimesso: con ogni probabilità non farà più stupide scommesse come questa.

Fonte

0
0
0
Total
0
Leggi altro:
Tre gemelli separati alla nascita: «Era un esperimento scientifico». Riuniti dopo vent’anni, uno si è suicidato

Chiudi