Gomme invernali: la scelta giusta per guidare in sicurezza

Quando ci si mette al volante, avere le gomme ‘giuste’ è molto importante ma non tutti sanno che anche per i pneumatici delle auto esiste una sorta di ‘cambio di stagione’ da fare due volte l’anno. In Italia, infatti, il Codice della Strada impone l’utilizzo delle cosiddette ‘gomme invernali’ durante il periodo che va dal 15 novembre al 15 aprile. La normativa accorda agli automobilisti un periodo di tolleranza di un mese, trascorso il quale chi non rispetta l’obbligo del cambio stagionale dei pneumatici rischia di essere sanzionato con una multa.

Una questione di sicurezza

Le gomme da neve, introdotte nel 2013, sono obbligatorie sono per gli autoveicoli e, più in generale, solo per i veicoli con pneumatici il cui codice velocità è inferiore a quello riportato sulla carta di circolazione.

Non è difficile immaginare perché le gomme invernali siano particolarmente importanti. È anzitutto una questione di sicurezza per i conducenti e gli occupanti del mezzo. I pneumatici, infatti, sono responsabili dell’aderenza del veicolo al fondo stradale e, in parte, della tenuta di strada. Per questo motivo, è indispensabile che in presenza di condizioni climatiche avverse, che possono rendere la strada scivolosa o ghiacciata, vengano utilizzate le gomme invernali. Queste ultime infatti sono progettate e realizzate secondo precisi criteri tali: anzitutto la mescola è più ricca di silice rispetto alle gomme estive. Ciò comporta una maggiore morbidezza e, di conseguenza, una migliore aderenza.

In secondo luogo, la superficie è scolpita in maniera diversa. Le scanalature sono più profonde e anche questo serve ad implementare una buona tenuta di strada. I solchi (disposti secondo una specifica geometria) dei pneumatici invernali sono scolpiti in maniera tale da riempirsi di neve perché l’aderenza tra la neve presente sulla strada e quella che si ‘incastra’ nelle scanalature delle gomme è maggiore rispetto a quella esistente tra il pneumatico e la neve. In presenza di un fondo bagnato, il pattern della gomma funge un po’ da spartiacque, deviando lateralmente l’acqua con un effetto drenante e impedendole di creare una pellicola tra asfalto e ruota che può far scivolare il veicolo e mandarlo fuori controllo.

Scegliere le gomme giuste per l’inverno

Le gomme da neve sono contraddistinte dalla sigla M+S (oppure M/S, M&S o M.S.), specifica per i pneumatici destinati all’uso invernale, compreso quello a temperature particolarmente basse: la M sta per ‘mud’ (fango) mentre la S per ‘snow’ (neve). Alcuni presentano un piccolo logo formato da un fiocco di neve iscritto in una montagna a tre punte (il ‘Three Peak Mountain Snow Flake’ o 3PMSF).

La presenza delle sigle sopra citate non basta a determinare la scelta migliore per le gomme da neve. Bisogna tener conto del cosiddetto ‘codice velocità’, ovvero la lettera che si trova sulla spalla del pneumatico e indica la velocità massima alla quale può essere utilizzata la gomma (i codici vanno da A1 a ZR). Anche per questo, quando si sostituisce un treno di pneumatici estivi è bene farsi assistere da aziende che operano nel settore come la Euroimport Pneumatici o altre specializzate nella distribuzione di questo genere di prodotto.

I parametri da tenere in considerazione per la scelta del miglior pneumatico sono diversi: diametro, mescola (estiva, invernale o ‘quattro stagioni’) e codice di velocità; come altri store online, anche quello della Euroimport Pneumatici mette a disposizione un tool per selezionare ciascuna caratteristica. Si tratta di uno strumento utile al consumatore che, utilizzandolo, può orientarsi meglio nell’orizzonte di un’offerta piuttosto vasta rappresentata dai numerosi prodotti di tanti marchi ‘storici’, da Pirelli a Michelin, da Goodyear a Dunlop, ai vertici del settore per la produzione di gomme sia per uso stradale che agonistico.

Come scegliere le gomme invernali

0
0
0
Total
0
Leggi altro:
“Vi pago una vacanza di 6 mesi ai Caraibi, se riuscite ad aiutare la mia fidanzata”

Chiudi