Gran Bretagna, uccide il pedofilo che abusò di lei. Il giudice: «Niente carcere, e pago io le spese»

Vicenda incredibile quella accaduta in Gran Bretagna che ha visto protagonista un giudice e una ragazzina di 15 anni che si è vista condannata per aver accoltellato e ucciso l’uomo che abusò di lei quando aveva soltanto 8 anni. Il magistrato inglese, Jonathan Durham Hall, non solo si è offerto di pagare di persona le spese processuali, ma ha anche evitato che finisse in carcere, condannandola a soli 2 anni di riabilitazione in un centro per minori.

“Sarebbe una disgrazia imperdonabile mandare una sopravvissuta come te in prigione” ha dichiarato al Telegraph, dopo la sentenza, facendo trasparire un evidente sdegno e risentimento per delle regole che spesso non tutelano fino in fondo le vittime, sbilanciandosi troppe volte su di un’ipotetica e difficile riabilitazione del criminale.

Le motivazioni profonde che sono alla base del gesto clamoroso del giudice risiedono nel fatto che secondo il magistrato la giustizia inglese è stata troppo buona nei confronti del pedofilo, il quale è stato condannato a una pena blanda di 6 anni. Per giunta, una volta uscito dal carcere si era fatto nuovamente vivo, comunicando alla giovane che era tornato in libertà, chissà con quali intenzioni.

 giudice sentenza pedofilia

La vittima, probabilmente animata da un odio profondo maturato in questi anni duri, si è recata presso la sua abitazione e una volta che l’uomo gli ha aperto la porta, gli ha piantato un coltello in pancia, dicendogli semplicemente “ho intenzione di ucciderti”. Infine l’ha finito tagliandogli la gola.

La vicenda sicuramente susciterà delle reazioni contrastanti perché la ragazza ha compiuto un gesto estremo e in fin dei conti l’uomo aveva scontato il suo debito con la giustizia inglese. Tuttavia, per correttezza, dobbiamo ricordare anche i numerosi casi in cui hanno visto soccombere donne e bambine che avevano più volte denunciato il proprio aguzzino. Bisogna, dunque, ponderare attentamente le motivazioni e trovare soluzioni che tendono a soddisfare a pieno il desiderio di giustizia che ogni comunità deve avere.

Leggete anche l’assurda storia di una bambina che ha rifiutato di togliersi il cappotto in classe. Ecco cosa ha fatto la maestra