Il gioco erotico è troppo estremo, padre di famiglia finisce in ospedale

La notizia riportata da Il Mattino è senza dubbio di quelle imbarazzanti, soprattutto se le conseguenze interessano un’intera famiglia, e tutto per colpa di un gioco fatto con una bottiglia. Un uomo di 51 anni, originario di Sarno, si reca al pronto soccorso dell’ospedale “Martiri del Villa Malta” perché avverte forti dolori addominali. Viene accompagnato dalla moglie e dai figli preoccupati dal malessere del padre.

Dopo essere stato visitato dal medico di turno, gli vengono prenotati ulteriori accertamenti clinici per valutare meglio il quadro clinico, che al momento, per ovvie ragioni, non disponeva dei “segreti” piccanti della coppia.

Ma la TAC, inesorabilmente, riscontra la presenza di una bottiglietta, di quelle che vengono utilizzate per confezionare i succhi di frutta, posizionata nel retto del paziente. A questo punto i coniugi si sono visti costretti a confessare l’accaduto, con enorme imbarazzo dei figli ancora presenti, i quali hanno lasciato immediatamente il nosocomio.

ospedale gioco erotico

L’uomo è stato poi accompagnato all’ospedale di Nocera Inferiore per effettuare un ulteriore esame presso un chirurgo gastroenterologo. Il medico dovrà valutare l’esatta posizione del corpo estraneo, per poi intervenire e rimuovere la bottiglia con una operazione chirurgica.

Questa volta l’intimità sfuggita è costata cara a questa famiglia, perché oltre a far palesare comportamenti per così dire inconsueti, ci sarà bisogno di un ricovero ospedaliero per sistemare i danni provocati dal gioco piccante.

Ormai le cronache abbondano di pratiche erotiche finite male. L’estremo trasporto e il cruccio di voler sperimentare nuove emozioni porta spesso i malcapitati a spingersi oltre il dovuto, per poi accorgersi che si è esagerato. Quando poi ad essere coinvolti sono i figli, che magari pensano ai propri genitori come la classica coppia del mulino bianco, le cose si fanno molto complicate e possono pregiudicare seriamente la serenità dei rapporti.

Provate a dare un’occhiata a quest’altra storia bizzarra accaduta in Italia. Anche in questo caso all’ospedale sono rimasti senza parole.