Forni per pizza: pro e contro dei modelli a legna ed elettrici

Preparare la pizza è considerata una vera e propria “arte”, ed effettivamente quest’operazione richiede competenza ed esperienza.

Nell’immaginario collettivo il pizzaiolo per eccellenza è quello che prepara la pizza utilizzando un forno a legna, di conseguenza si è portati a pensare che questo tipo di forno sia la soluzione migliore per poter gustare una pizza di qualità.

In realtà non è corretto mettere in relazione la qualità della pizza con il tipo di forno con cui viene cotta: affinché questa specialità tipicamente italiana possa soddisfare appieno il palato è fondamentale che vengano utilizzati ingredienti selezionati, inoltre è cruciale la professionalità del pizzaiolo.

In questo settore ci si chiede spesso se sia preferibile optare per un forno a legna o per un più moderno forno elettrico; i “puristi” non esitano indicare subito il forno a legna, ma sarebbe più opportuno soppesare in modo adeguato i pro e i contro dell’una e dell’altra soluzione.

Principali differenze tra forno a legna e forno elettrico

Dal punto di vista tecnico la principale differenza tra il forno a legna e il forno elettrico per pizza è rappresentato dal fatto che mente nel primo tutte le superfici interne sono in materiale refrattario, nel secondo è solo una la superficie che presenta caratteristiche simili.

Quest’aspetto influisce sulla rapidità di effettuazione della cottura, la quale si rivela più accentuata nei forni a legna, dunque questo è senz’altro un “pro” che merita di essere sottolineato.

Al contempo vanno tuttavia considerati molti altri aspetti, a cominciare dal fatto che il forno a legna è più difficoltoso da gestire.

Può accadere ad esempio che, per ragioni prettamente tecniche, le prime cotture della giornata eseguite tramite forno a legna risultino imperfette, per poi stabilizzarsi in quelle successive.

Tale problema non si pone nel forno elettrico, il quale riduce al minimo il margine di errore ed è dunque molto adatto anche ai pizzaioli che non hanno alle spalle anni di esperienza.

Ingombro, installazione e possibilità di riutilizzo

Un forno elettrico per pizza è meno ingombrante e soprattutto non richiede complesse opere di installazione, al contrario il forno a legna necessita di vere e proprie opere di edilizia: la sua realizzazione è molto più articolata, quindi, e per tale ragione anche più costosa.

Per la medesima ragione un forno a legna non può essere trasportato, dunque costituisce un rischio elevato dal punto di vista puramente imprenditoriale; in caso di chiusura dell’attività, al contrario, un forno elettrico è assolutamente trasportabile e riutilizzabile.

Come non sottolineare il fatto che il forno elettrico richiede una manutenzione estremamente più agevole rispetto a quella del forno a legna, e anche questo è un punto di forza.

Il forno alimentato a legna richiede la combustione di tale materia prima, ciò significa che la legna da ardere deve essere trasportata presso la pizzeria in questione, un’operazione che può rivelarsi costosa o semplicemente poco agevole laddove venga effettuata direttamente da chi gestisce l’attività.

Perché si opta spesso per il forno elettrico

Alla luce di quanto visto, dunque, sono davvero molteplici le ragioni per cui preferire un forno elettrico al classico forno a legna può essere considerata un’ottima scelta, soprattutto per chi sta avviando una nuova attività e non può permettersi dei grossi investimenti.

Come detto in precedenza la qualità della pizza dipende in primis da altri fattori, per questo motivo non è corretto affermare che il classico forno a legna sia garanzia di un prodotto all’altezza.

Non è certamente per caso d’altronde se molti e-commerce specializzati in forniture per ristoranti, come ad esempio All For Food, propongono molti modelli di forno per pizza di tipo elettrico.

0
0
0
Total
0
Leggi altro:
20 Fatti Sulla Psiche Umana Che Vi Faranno Vedere Il Mondo Con Occhi Diversi
20 Fatti Sulla Psiche Umana Che Vi Faranno Vedere Il Mondo Con Occhi Diversi

Chiudi