Decide di crescere i suoi figli lontano dalla tecnologia: le loro foto fanno sognare

Niki Boon madre di tre figli ha deciso di crescerli in controtendenza con il mondo intero: senza tecnologia. La donna che lavorava come fisioterapista in Scozia, durante i suoi numerosi viaggi si è appassionata alla fotografia, e una volta rientrata nella sua terra natia, la Nuova Zelanda, ha pensato di farne un mestiere.

Nel suo progetto “Childhood in the Row”, Niki immortala i suoi quattro figli, cresciuti lontano dalla tecnologia nella sua estesa proprietà, liberi di scorrazzare nella natura.

Queste le parole della fotografa alla presentazione del suo lavoro:

“I miei figli vivono senza TV o altri moderni dispositivi elettronici, so che è uno stile di vita che può sembrare anticonvenzionale. Con il mio lavoro, voglio celebrare la magia dell’infanzia vissuta a contatto con la terra, voglio documentare le loro giornate insieme, in un ambiente pieno di natura e di giochi fantasiosi. Fotografo la loro infanzia così com’è: libera. Perché credo che tutti noi apparteniamo alla terra, alla natura libera e selvaggia, che inizia dove le loro piccole anime finiscono”.

Da non perdere il divertente articolo sulle differenze tra i bambini di oggi e quelli del passato: “Ma i bambini tra il 1950 e il 1980 come hanno fatto a sopravvivere?”

Decide di crescere i suoi figli lontano dalla tecnologia: le loro foto fanno sognare