Un contadino trova 4 gattini orfani, ma poco dopo si accorge che non sono come gli altri

Piccoli e teneri batuffoli di morbido pelo, i gattini non lasciano indifferenti al loro fascino nè grandi nè piccini. Anche il più duro dei cuori, se s’imbatte in una cucciolata abbandonata, non può far altro che sciogliersi. Ma a volte bisogna stare attenti. Il fatto che si assomiglino un po’ tutti può generare dei simpatici e inquietanti malintesi: non è raro, infatti, che dei rari esemplari selvatici possano essere scambiati per semplici gatti domestici.

Vittima di questa svista è stato un contadino russo che un giorno s’imbatté in quattro gattini, presumibilmente orfani, all’interno della sua fattoria. Quando li esaminò più da vicino si accorse che ancora non avevano aperto gli occhi, intenerito li portò con se per prendersene cura.

Quando li portò nella fattoria vennero accolti con entusiasmo dagli altri membri della famiglia, gatti domestici compresi. In breve i piccoli gattini divennero parte integrante della comunità.

gattini

Con il passare dei giorni i felini, grazie alle amorevoli cure, iniziarono a crescere e il loro aspetto via via diventava diverso da quello dei comuni gatti domestici, l’uomo incuriosito decide di capire il perchè e si mette in contatto con gli esperti della Riserva Naturale Daursky, pensando che questi possano risolvere il mistero. Ed infatti è così, questi gli comunicarono che i cuccioli appartengono ad una specie felina selvatica dell’Asia Centrale, e che sono esemplari di gatto di Pallas, manul o gatto delle steppe.

Il gatto delle steppe presenta delle caratteristiche peculiari che lo contraddistinguono dal gatto domestico: le zampe sono corte, la parte posteriore è piuttosto pronunciata e il pelo è molto lungo e spesso che lo protegge dai climi più freddi. Le orecchie, tonde e basse, fanno sì che il gatto di Pallas abbia un aspetto che, in qualche modo, ricorda quello di un gufo.che siamo abituati a vedere.

Dopo aver trascorso diverso tempo nella fattoria e poco prima dell’inverno, i quattro gattini furono rimessi in libertà nel loro habitat naturale. Purtroppo per loro, la prima permanenza nella natura selvaggia non andò per il verso giusto. I quattro cucciolotti avevano smarrito i collari radio che servivano a localizzarli e a verificare le loro condizioni di salute. Quando il personale addetto alla loro salvaguardia riuscì, con enorme difficoltà, a rintracciarli, scoprì che erano enormemente deperiti in quanto non erano in grado di procurarsi il cibo autonomamente.

Così si videro costretti a riportarli indietro e a ricoverarli, ripromettendosi di provare a reinserirli in Natura una volta ristabilita un’ottimale condizione di salute.

La mossa si rivelò azzeccata! Li rimisero in libertà la primavera seguente, con un clima più favorevole al loro reinserimento… e finalmente riuscirono ad ambientarsi perfettamente ed ancora oggi vagano nelle steppe.

Un contadino trova 4 gattini orfani, ma poco dopo si accorge che non sono come gli altri