Trova la sua famiglia sotto le macerie: cane da soccorso scoppia in lacrime di dolore

Carlo Grossi è un volontario di 58 anni impiegato nella protezione civile nonché un infermiere dell’Ares 118 dell’ospedale Grifoni di Amatrice dal 1981. Grazie al suo impegno è riuscito a salvare tante vite umane.

Di terremoti ne ha visti già 4, compreso l’ultimo di pochi giorni fa, anche se Carlo al momento della scossa non si trovava più ad Amatrice perché si era divorziato da qualche tempo, ma bensì a Fara Sabina. Lì però, ad Amatrice, c’erano ancora i suoi due figli che vivevano con la mamma.

Dopo la terribile scossa ha provato a contattarli, ma i telefoni erano muti. Preoccupato per le sorti della sua famiglia, si reca immediatamente sul luogo del disastro insieme alla sua Laga, addestrata per individuare i corpi. Una volta giunta in quello che rimaneva della sua ex abitazione, il cane ha iniziato a scavare tra le macerie indicando un punto preciso.

“Il primo corpo che ho trovato è quello della mia ex moglie Lucia, era messa male, ma parlava, rispondeva. Mentre le toglievo i detriti da sopra, ho scorto una coda di cavallo. Era mia figlia” purtroppo già deceduta, racconta l’infermiere.

A questo punto Laga sa benissimo che all’appello manca un altro componente della famiglia. Continua a cercare senza sosta fino ad indicare un’altra zona della casa. Qui, invece di segnalare il punto ai soccorritori come è stata addestrata a fare, accade un qualcosa di anomalo: inizia ad emettere dei guaiti strazianti.

“Con la zampa invitava a scavare in un altro punto, invece di abbaiare però piangeva. Ho pensato che si era depressa, erano odori troppo familiari (…) a pochi centimetri da dove abbaiava c’era un cadavere, era quello di Franco. Con le tronchesi abbiamo tagliato il pezzo di solaio che l’aveva travolto, sotto un foglio di catrame c’era la gamba destra che spuntava, era già freddo.”

Nella sua lunga carriera da soccorritore Carlo si è sempre domandato come potessero fare quei genitori ai quali è stato tolto un figlio giovane. Questa volta è toccato a lui. E forse quel pensiero ricorrente non era altro che un triste presagio.

++Leggi anche: Anziano crede di aver perso tutto durante il terremoto: Ma guardate cosa c’è ai piedi del letto

 Trova la sua famiglia sotto le macerie: cane da soccorso scoppia in lacrime di dolore

#1

1

#2

2

 

#3

3