“Domani mi faranno addormentare per sempre”. Ecco la commovente lettera di un cane da combattimento al suo umano…

“Caro umano, oggi è il mio ultimo giorno di vita. Domani mi faranno una puntura perché ho morso un bambino che ha provato ad accarezzarmi. Voglio dirti solo che, se mai fosse esistita una vera giustizia in questo mondo, oggi non sarei da solo ad essere soppresso ma saremmo stati in due. Sei il mio complice in tutto ciò, anzi tu hai una colpa in più: avrai anche la mia vita sulla coscienza…    Ti ricordi quando ero solo un cucciolo e tu mi hai portato a casa? Io volevo giocare e mordevo le tue mani e tu mi incoraggiavi a farlo. Appena sentivo qualcuno alla porta io abbaiavo invece tu mi insegnavi che dovevo stare in silenzio e attaccare. Poi, ogni volta che andavamo al parco, tu non mi facevi avvicinare agli altri cani. Io credevo che mi volevi bene e mi tenevi lontano da quelli che potevano farmi del male. Invece tu cercavi di farmi diventare feroce e cattivo.

Mi hai tenuto legato con una catena per tanto tempo. Mi sarebbe piaciuto anche a me avere una carezza ogni tanto o di dormire accucciato ai tuoi piedi. Ma no, queste cose a me erano vietate. Una volta mi hai portato in un posto strano. C’erano altri cani come me… e tutti noi stavamo in piccole gabbie. E due a due dovevamo affrontarci su un ring. La gente urlava intorno a noi e noi cercavamo di sopravvivere facendo fuori l’avversario.     Poi qualcuno mi ha salvato. Mi ha tolto da te e mi hanno portato in un canile. E io soffrivo perché mi mancava il mio capo branco. Ma poi una famiglia mi ha adottato. Ed io ero felice. Ma loro non potevano sapere cosa avevo nel mio cuore. E un giorno, il loro figlio si è avvicinato per farmi una carezza… ma teneva la mano come quando tu, il mio primo padrone, mi volevi colpire quando sbagliavo.

E io mi sono istintivamente difeso. E l’ho morso. Ho morso la mano che mi voleva accarezzare. La tua non la mordevo quando mi colpiva perché la temevo. Quando ho sentito l’odore di sangue ho affondato ancora di più i denti.    Il padre del bimbo è arrivato e mi ha colpito… e io ho lasciato la presa. Sono venuti alcuni uomini che mi hanno portato via. Ed eccomi qui… dietro le sbarre… ad aspettare che arrivi la mia condanna. Non ti odio per quello che mi hai fatto. Ma vorrei che tu capissi che non devi fare le stesse cose a un altro cane. Io domani morirò. Ma spero che la gente che leggerà le mie parole capisca che non ci sono cani cattivi ma solo proprietari sbagliati.

 

E spero che le mie parole le leggeranno in tanti.

Io ti perdono e ti ringrazio per avermi donato la vita ma anche per avermi aiutato a perderla.

Il tuo cane da combattimento.”

+++ Leggi anche: Quando muore il suo cane di 18 anni, gli scrive una lettera commovente! +++

*****AVVISO AI LETTORI******  

Le news del mondo animale di Post Virale le trovate su Facebook (clicca qui) e su Instagram (clicca qui)