“Ho abortito 18 volte perché mio marito voleva un figlio maschio”

Una donna vietnamita avrebbe abortito 18 volte perché non riusciva ad accontentare suo marito che voleva un figlio maschio a tutti i costi.

Lei stessa ha raccontato in una trasmissione televisiva alla quale era stata invitata col volto coperto la triste vicenda. Ha rivelato che dopo aver avuto ben 4 figlie femmine è subentrata la delusione del marito e una forte depressione, proprio a causa del fatto che in nessun modo riusciva a soddisfare le speranze del compagno. Ormai era diventata una vera e proprio ossessione.

“Ero molto frustrata e volevo suicidarmi, lasciare tutto alle spalle”. Queste sono alcune delle parole della donna, la quale ha aggiunto che il marito stava “cercando qualcuno che potesse dare alla luce un figlio per lui”.

La fissazione della coppia si basa su di un’antica tradizione ancora molto diffusa in alcune zone del Vietnam secondo la quale soltanto i figli maschi possono ereditare i beni della famiglia. Il governo sta cercando di porre rimedio all’aborto selettivo di genere.

figlio maschio

Anche se largamente diffuso in Cina e in India, negli ultimi anni le statistiche rivelano che anche in Vietnam sta aumentando in maniera vertiginosa. In alcune zone rurali per ogni 150 maschi ci sono soltanto 100 femmine. Per combattere questo squilibrio il governo sta pensando di obbligare i medici a non rilevare il sesso del nascituro prima della nascita.

Tuttavia alcuni osservano, come il ministro Nguyen Viet Tien, che la misura sarebbe del tutto inefficace in quanto è molto difficile indagare a posteriori se il medico sia stato onesto oppure abbia dato un suggerimento anche velato ai suoi pazienti. Meglio puntare su di un cambiamento radicale della mentalità delle persone.

Abbiamo fatto riferimento ad alcuni popoli dell’est asiatico ossessionati ad avere un figlio maschio. Si cambia decisamente musica in Finlandia dove si distribuiscono delle particolari scatole per ogni neonato.

 

 

 

loading...